Fino a 10.000,00 € per digitalizzare le PMI. Ecco il bando per ottenere il contributo

By 24 novembre 2014Diritto di Internet, News
finanziamenti e contributi e commerce

In Gazzetta Ufficiale il bando sui finanziamenti per la digitalizzazione delle PMI

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato il 19 Novembre scorso il nuovo bando di finanziamento in favore delle piccole e medie imprese che hanno interesse a digitalizzare i propri processi aziendali e investire in tecnologia. Sono disponibili voucher fino a 10000 euro. Il decreto di riferimento è il decreto-legge 23 dicembre 2013, n.145, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014,   n.9.

Come utilizzare il contributo?

L’intervento previsto e’ finalizzato a sostenere, tramite contributi in forma di Voucher di valore non superiore a 10.000,00 euro, l’acquisto di software, hardware o servizi che consentano:

a) di perfezionare l’efficienza aziendale;

b) di modernizzare l’organizzazione del lavoro anche mediante forme di “telelavoro”;

c) di sviluppare forme di vendita tramite internet (e-commerce);

d) di migliorare la connettività con banda larga;

e) di perfezionare il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;

f) di formare il personale nel campo ICT.  

Quali sono i requisiti per accedere?

1. Essere una microimpresa, piccola o media impresa ai sensi della raccomandazione 2003/361/CE, del   6   maggio   2003;

2. non rientrare tra le imprese attive nei settori esclusi dall’articolo 1 del regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013

  • pesca;
  • produzione primaria, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli

3. avere sede legale e/o unita’ locale attiva sul territorio nazionale ed essere iscritte al Registro delle imprese della Camera di commercio territorialmente competente;

4. non essere sottoposte a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria,   di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;

5. non aver ricevuto altri contributi pubblici per le spese oggetto della concessione del Voucher;

6. non trovarsi   nella   situazione   di   aver   ricevuto   aiuti finanziari e successivamente non averli rimborsati o depositati in un conto bloccato.       

Quali sono le spese ammesse? 

Il sussidio è concesso per le spese sostenute per le seguenti attività:

1. Acquisto di software e hardware e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzata alla digitalizzazione dei processi aziendali, necessari sia alla modernizzazione dell’infrastruttura e dell’organizzazione aziendale che alla riorganizzazione del lavoro in termini di telelavoro;

2. Spese per l’acquisto di software idonei alla gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete e   servizi   di   consulenza   specialistica strettamente finalizzati allo sviluppo di soluzioni di e-commerce;

3. Spese di attivazione del servizio con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi e costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettivita’ a banda larga e ultralarga;

4. Spese relative all’acquisto e all’attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;

5. Le spese per la partecipazione a corsi di titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata nel campo ICT, strettamente legata alla digitalizzazione aziendale.

I Voucher sono concessi nella misura massima del 50 per cento del totale delle spese ammissibili.  

Come presentare la domanda:

Le istanze di accesso all’agevolazione devono essere corredate di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio che attesti il possesso dei requisiti previsti dal bando e devono riportare l’elenco e la quantificazione complessiva delle spese da sostenere, nonche’ l’importo del Voucher richiesto.Le domande devono essere presentate attraverso l’apposita   procedura   informatica   resa disponibile sul sito Internet del Ministero (www.mise.gov.it). E’ necessario utilizzare l’indirizzo PEC e la firma digitale per inoltrare la domanda.L’erogazione del contributo sarà effettuata dal Ministero in un’unica soluzione.

I Controlli del Ministero:

Il Ministero si riserva di effettuare controlli a campione per verificare l’effettivo rispetto delle regole e controllare l’effettiva acquisizione dei beni ovvero dei servizi oggetto del Voucher.

 

Qui il BANDO

Autore Marco R

Specialista Web Communication